CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA N.D. 10.04.2018 N. 2161

Deve essere rimessa all'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, al fine di comporre il contrasto formatosi in giurisprudenza, la questione se l'erronea declaratoria di irricevibilità del ricorso di primo grado possa essere assimilata ad una violazione del diritto di difesa e per questo comportare l'annullamento della sentenza con rinvio al giudice di primo grado ai sensi dell'art. 105 c.p.a. ...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 28.03.2018 N. 1935

Negli appalti pubblici, il requisito della gravità della violazione dell'osservanza delle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro deve ritenersi integrato nel caso in cui la fattispecie concreta abbia comportato una lesione della salute dei dipendenti da parte del concorrente, responsabile di non essersi adoperato per prevenire gli infortuni sui luoghi di lavoro secondo gli strumenti prescritti dalla normativa. In tale contesto, deve rilevarsi che il nuovo codice dei contratti (D.Lgs. n. 50/2016) all'art. 80, comma 5, lett. a) del d.lgs. n. 50 del 2016 pone in campo alle stazioni appaltanti il compito di verificare l’osservanza delle suddette norme da parte dei concorrenti, escludendo ogni spazio all'autovalutazione da parte di questi ultimi, ed a tale principio segue il corollario per il quale il concorrente non può giudicare autonomamente irrilevanti i propri precedenti negativi e per questo ometta di darne conto nella relativa dichiarazione di gara ....
Leggi la sentenza integrale

TAR EMILIA ROMAGNA - SENTENZA 19.03.2018 N. 240

Va ricondotta nell'ambito di giurisdizione del Giudice Ordinario una controversia attinente alla contestazione sollevata da parte di un Comune verso una domanda di pagamento di canoni avanzata dall’Agenzia del Demanio, afferente all’occupazione senza titolo di aree appartenenti al patrimonio e al demanio dello Stato, qualora l’utilizzo del bene da parte del Comune non risulti assistito da un formale provvedimento concessorio o di altro titolo tra quelli richiamati all’art. 133 comma 1, lett. b) c.p.a. ed inoltre se il Comune obietti l’esistenza stessa del potere dell’Agenzia del Demanio di richiedere il suddetto pagamento. In una siffatta fattispecie, infatti, la pretesa economica azionata in giudizio non è nemmeno astrattamente riconducibile all’esercizio di un potere amministrativo di cui l’Agenzia del demanio sia titolare, pertanto la controversia sfugge all’inquadramento in una delle fattispecie disciplinate dall’art. 133 c.p.a...
Leggi la sentenza integrale

TAR CAMPANIA - SENTENZA 08.03.2018 N. 1445

La P.A. non può escludere un concorrente da un concorso pubblico, in ragione del fatto che la sua domanda di partecipazione, contrariamente alle previsioni del bando, sia corredata dalla copia di un valido documento di riconoscimento senza sottoscrizione, nel caso in cui quella domanda sia stata trasmessa dall'aspirante candidato tramite la personale casella p.e.c. all’indirizzo p.e.c. all’uopo indicato dalla lex specialis. Difatti, in virtù del combinato disposto di cui agli artt. 38, comma 2, del D.P.R. n. 445/2000 e 65, comma 1, lett. c, del D.Lgs. n. 82/2005, la sottoscrizione è sicuramente necessaria per la presentazione dell’istanza telematica, ma con la sola allegazione senza sottoscrizione della copia del documento di identità...
Leggi la sentenza integrale

TAR LOMBARDIA - SENTENZA 26.02.2018 N. 218

In ambito di appalti pubblici, le condanne che devono comportare l'esclusione del concorrente dalla gara, ai sensi dell’art. 80, comma 5, lettera c) del D.Lgs. n. 50/2016, non sono solo quelle riportate dall'impresa quale soggetto giuridico autonomo e ma anche quelle riportate dal singolo amministratore o soggetto dotato di potere di indirizzo o di controllo sull’impresa stessa. Infatti, una lettura dell’art. 80 orientata con la disciplina comunitaria e con i principi fondamentali della materia già elaborati in vigenza della precedente normativa, porta a preferire un’interpretazione estensiva, nel senso che l’esclusione può essere disposta dalla stazione appaltante anche nel caso in cui la sentenza di condanna ritenuta rilevante sia relativa ad uno dei reati indicati dalla suddetta norma e anche se essa riguardi non l’impresa in sé, ma uno dei soggetti di cui al comma 3 del citato art. 80, nel cui novero va ricompreso anche il Revisore Legale (professionista o società) dell'impresa partecipante, in quanto soggetto tra quelli "dotati di poteri di direzione o di vigilanza o muniti di poteri di rappresentanza, di direzione o di controllo"...
Leggi la sentenza integrale

TAR CAMPANIA - SENTENZA 15.02.2018 N. 1041

E’ illegittima l'ordinanza di demolizione e/o rimozione di opere di arredo esterno, quali la collocazione di numerose fioriere realizzate nello spazio antistante alcuni esercizi commerciali, emessa in virtù dell'assenza di preventivo atto di assenso edificatorio da parte dell’Ente locale, posto che detti manufatti non necessitano di alcun permesso di costruire rientrando nelle attività di edilizia libera di cui al comma 1 dell'art. 6 D.P.R. n. 380/2001, o tutt'al più nel novero degli interventi per i quali è sufficiente la comunicazione di inizio lavori, ed in ogni caso non sono sanzionabili con la demolizione, comminabile solo per gli interventi assoggettati a permesso di costruire..
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 02.02.2018 N. 680

A differenza della responsabilità da mancata aggiudicazione, la culpa in contrahendo dell’amministrazione nelle procedure ad evidenza pubblica di affidamento di contratti costituisce fattispecie nella quale l’elemento soggettivo assume una sua specifica rilevanza, in correlazione con l’ulteriore elemento strutturale del contrapposto affidamento incolpevole del privato in ordine alla positiva conclusione delle trattative. Infatti, i presupposti della responsabilità precontrattuale della pubblica amministrazione consistono nell’affidamento ingenerato dal comportamento della stazione appaltante su tale esito positivo e nell’assenza di una giusta causa per l’inattesa interruzione delle trattative. Sussiste pertanto la responsabilità precontrattuale della P.A. nel caso in cui abbia indetto una procedura di finanza di progetto mal valutando l’opera da realizzare e così ingenerando un legittimo affidamento circa la conclusione del procedimento, producendo un danno al concorrente stante l’inattesa ed improvvisa interruzione dell’intera sequenza prenegoziale ...
Leggi la sentenza integrale

TAR UMBRIA - SENTENZA 22.01.2018 N. 56

In tema di appalti pubblici regolamentati dal nuovo Codice dei Contratti di cui al D.Lgs. n. 50/2016, la disciplina dettata dall’art. 95, comma 10, impone l’obbligo per tutti i concorrenti di indicare in sede di offerta economica i propri costi della manodopera e gli oneri aziendali concernenti l’adempimento delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Detto obbligo sussiste anche in ipotesi di silenzio del bando, da ritenersi sul punto eterointegrato, con conseguente esclusione del concorrente che non abbia provveduto all'indicazione dei suddetti oneri, non potendosi ricorrere nemmeno al soccorso istruttorio – diversamente dal sistema previgente dettato dal D.Lgs. n. 163/2006 – trattandosi di indicazione costituente elemento essenziale dell’offerta...
Leggi la sentenza integrale

TAR TOSCANA - SENTENZA 16.01.2018 N. 66

Non può essere respinta l'istanza tendente ad ottenere l’aggiunta al proprio cognome di alcune parole e/o un di un predicato, motivata con riferimento al c.d. divieto do "cognomizzazione" dei predicati nobiliari disposto dall'89 co. 3, d.P.R. n. 396/2000, a mente del quale è vietata "l’attribuzione di cognomi di importanza storica o comunque tali da indurre in errore circa l’appartenenza del richiedente a famiglie illustri o particolarmente note nel luogo in cui si trova l’atto di nascita del richiedente o nel luogo di sua residenza”, se l’istanza sia oggettivamente finalizzata ad attestare esclusivamente le antichi origini familiari del richiedente, per ragioni affettive e per il significato che quel cognome riveste nella comunità sociale in cui il richiedente è inserito, senza che rilevi in qualche interesse pubblico contrario che nel caso concreto non ravvisava ...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 11.01.2018 N. 118

La responsabilità della P.A. per illegittimità provvedimentale va ricondotta alle ipotesi di responsabilità extracontrattuale ex art. 2043 c.c., per la quale si applica la teoria della "causalità alternativa ipotetica" ma solo in relazione agli illeciti omissivi, per i quali occorre infatti stabilire se l’evento dannoso non si sarebbe verificato se il preteso responsabile avesse posto in essere la condotta doverosa impostagli, mentre detta teoria è priva del suo presupposto rispetto ad illeciti commissivi, quali quelli derivanti dalla formazione di atti amministrativi illegittimi, in relazione ai quali l’accertamento del giudice deve colmare il nesso di causalità giudicando se tali atti possano aver costituito la causa del danno lamentato. A tale proposito, va rimessa all’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato la questione se, in caso di affidamento diretto, senza gara, di un appalto, spetti il risarcimento danni per equivalente derivante da perdita di chance ad una impresa concorrente che avrebbe che potuto concorrere quale operatore del settore economico ...
Leggi la sentenza integrale

TAR CAMPANIA - SENTENZA 03.01.2018 N. 24

È legittima una ordinanza di demolizione di alcuni manufatti consistenti nella trasformazione di un lastrico solare di copertura di un edificio residenziale, in terrazzo destinato alla libera fruizione del proprietario, e, in particolare, nella pavimentazione del lastrico solare e nella apposizione di ringhiere di protezione, ove detta ordinanza sia motivata per carenza del preventivo rilascio del permesso di costruire. Difatti le opere in questione realizzano un cambio di destinazione d’uso trasformando un solaio di copertura, per cui non è prevista la praticabilità, in terrazzo, mediante specifici interventi edilizi, e per questo motivo è necessario il permesso di costruire, non essendo realizzabile detta trasformazione tramite semplice s.c.i.a. né tramite comunicazione di inizio lavori ex art. 6, D.P.R. n. 380/2001 ...
Leggi la sentenza integrale

TAR LAZIO - SENTENZA 27.12.2017 N. 12692

E' legittimo in quanto sufficientemente motivato il provvedimento con il quale l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha ingiunto alla RAI il pagamento di una sanzione pecuniaria, per violazione dell’art. 4, comma 1, lett. b, del D.Lgs. n. 177/2005, con riferimento ai contenuti di una puntata di un programma televisivo (una puntata del programma “Che Tempo che fa” del 10.05.2008) adottato perché, nonostante che il soggetto intervistato (il giornalista Marco Travaglio) dal conduttore del programma, riferendosi al Presidente del Senato, abbia espresso commenti e allusioni offensive e perciò lesive dell’onorabilità e della dignità della persona, il conduttore del programma (Fabio Fazio), durante l’intervista, andata in onda in diretta, non abbia messo in atto un apprezzabile tentativo di dissociazione, anche a nome dell’azienda televisiva, rispetto ai contenuti che venivano riferiti dall’intervistato, essendosi solo orientato, sia pure blandamente, a mitigare l’impatto delle espressioni offensive utilizzate dall’intervistato, e non giungendo pertanto ad integrare quella necessaria forma di inequivocabile dissenso che avrebbe potuto giovare alla RAI ricorrente ...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 20.12.2017 N. 5991

Il rimborso del contributo unificato costituisce un’obbligazione ex lege gravante sulla parte soccombente per effetto della condanna alle spese, anche in caso di mancata menzione da parte del giudice, posto che la relativa statuizione comprende, ancorchè implicitamente, la condanna della restituzione alla parte vittoriosa di quanto versato. Inoltre, ai sensi dell’art. 2, co. 2, D.M. n. 55/2014, è da ritenersi pacifico che alla parte vittoriosa spetti anche il rimborso delle spese forfettarie, nella misura del 15% ...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 11.12.2017 N. 5833

La giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo in materia di concessione di beni pubblici, non si estende alle controversie “concernenti indennità, canoni ed altri corrispettivi ….” come previsto dall'art. 133, co. 1, lett. b), c.p.a., e tale previsione va interpretata nel senso che la giurisdizione del giudice ordinario ha per oggetto le controversie di contenuto meramente patrimoniale, ovvero inerenti quantificazione e pagamento dei corrispettivi in questione, e purché non entri in discussione la qualificazione del rapporto concessorio, con esercizio di poteri discrezionali da parte dell’Amministrazione, dovendosi riconoscere in tal caso la cognizione del giudice amministrativo, in presenza sia di interessi legittimi che di diritti soggettivi. In un siffatto contesto, la scelta dell'Autorità portuale di rideterminare il canone di occupazione di beni del demanio marittimo da parte dell’Autorità portuale, va sindacata innanzi l'A.G.A. , presupponendo un provvedimento amministrativo con cui l’Autorità incide sull’economia dell’intero rapporto concessorio, attraverso l’esercizio di poteri autoritativi...
Leggi la sentenza integrale

TAR VENETO - SENTENZA 29.11.2017 N. 1091

In una gara d'appalto bandita secondo il criterio di aggiudicazione all’offerta economicamente più vantaggiosa, la commissione aggiudicatrice, nel valutare il pregio tecnico dell’offerta, esercita un tipico caso di discrezionalità tecnica, posto che è chiamata ad applicare regole elastiche ed opinabili, che rientrano nei c.d. concetti giuridici indeterminati. Ne consegue che per attribuire i punteggi all’offerta tecnica, l’amministrazione non applica scienze esatte che conducono ad un risultato certo ed univoco, ma formula un giudizio tecnico connotato da un fisiologico margine di opinabilità, per sindacare e contestare il quale non basta evidenziare la mera non condivisibilità del giudizio, dovendosi piuttosto dimostrare la sua palese inattendibilità, non potendosi ritenere decisiva la mancata indicazione di sub-criteri visto che la loro previsione è considerata solo eventuale dalla dicitura dell'art. 95, comma 8 del nuovo Codice dei Contratti (D.Lgs n. 50/2016) che ne stabilisce la presenza "ove necessario" ...
Leggi la sentenza integrale

TAR BASILICATA - SENTENZA 04.04.2018 N. 237

Va annullato il decreto di nomina della giunta comunale composta da due soli assessori che sia stato emanato da un sindaco (di un comune inferiore ai 3.000 abitanti) senza adeguata motivazione del conferimento dell'incarico a soli uomini e senza il richiamo ad un'adeguata istruttoria da cui emerga l'impossibilità di reperire la disponibilità alla nomina di assessori di sesso femminile, non essendo sufficienti delle semplici comunicazioni di indisponibilità a ricoprire la carica di assessore inviate al sindaco dalle consigliere comunali elette, e ciò a maggior ragione ove non siano specificate le ragioni che hanno impedito il rispetto della normativa in materia di parità di genere nella composizione delle Giunte disciplinata dall’art. 46, comma 2, D. Lgs. n. 267/2000 ....
Leggi la sentenza integrale

TAR LOMBARDIA - SENTENZA 26.03.2018 N. 354

Nel nuovo codice dei contratti di cui al D.Lgs. n. 50/2016 vige all'art. 36 il principio di rotazione degli operatori economici da invitare nelle procedure negoziate "sotto soglia", la cui funzione è quella di evitare che possano configurarsi, soprattutto in settori con ristretto numero di operatori, consolidamenti di rendite di posizione a favore del gestore uscente, naturalmente avvantaggiato dalla informazioni raccolte durante il precedente affidamento. Ne consegue che di norma l'affidatario uscente non deve essere invitato alla successiva selezione, ferma l'eccezione che deve essere motivata dalla stazione appaltante sulla base di particolari condizioni da esplicitare nel provvedimento che individua le ditte da invitare ....
Leggi la sentenza integrale

TAR TOSCANA - SENTENZA 08.03.2018 N. 356

E’ illegittima, per violazione del principio di tassatività delle cause di esclusione ex art. 83, comma, 8, D.Lgs. n. 50/2016, nonchè dei principi di libera concorrenza, la clausola di un bando di gara per l’affidamento di un determinato servizio che, invocando generiche ragioni di economicità, limita e circoscrive la partecipazione alle sole ditte aventi sede in specifiche zone del territorio comunale e, comunque, a distanza non superiore a mt. 500 dai confini del territorio comunale, posto che una siffatta previsione della lex specialis incide immotivatamente sulla par condicio della procedura, limitando la partecipazione ed anzi favorendo solo determinati operatori a discapito di altri, senza che detto discrimine si poggi su una valutazione di proporzione con alcun interesse della P.A. ritenuto prevalente. .
Leggi la sentenza integrale

TAR LAZIO - SENTENZA 02.03.2018 - N. 2330

La pratica commerciale di un distributore di biglietti per eventi che non abbia impedito sulla propria piattaforma l'acquisto da parte di pochi soggetti di gran numero di tagliandi, poi destinati al mercato secondario, non è idonea a configurare una fattispecie sanzionabile ex art. 20 comma 2 del Codice del consumo - D.Lgs. n. 206/2005 - in quanto non è provato che tale condotta abbia arrecato un vantaggio economico del professionista nel falsare in misura rilevante il comportamento economico del "consumatore utente" nè è provata come la mancata diligenza contestata abbia influenzato decisioni di natura commerciale del consumatore utente, dovendosi tenere conto della natura "emotiva" e prettamente psicologica che porta il consumatore a volere acquistare ad ogni modo i tagliandi degli eventi che gli interessano, ben sapendo che si trovano solo su un mercato "speculativo". Va conseguentemente ritenuta illegittima una sanzione irrogata dalla AGCM su tali presupposti...
Leggi la sentenza integrale

TAR SICILIA - SENTENZA 19.02.2018 N. 389

La pubblicazione della delibera di aggiudicazione di una gara d'appalto all’albo pretorio non è idonea a determinare la decorrenza del termine di impugnazione, se ad essa non si accompagna la comunicazione dell’aggiudicazione definitiva agli interessati, facendo così decorrere il termine di impugnazione di trenta giorni ex art. 120, comma 5, c.p.a. Va altresì specificato che la Stazione Appaltante ha l’onere della comunicazione individuale degli esiti della gara a tutti i soggetti individuati dall'art. 76, comma 5, del nuovo Codice dei Contratti - D.Lgs. n. 50/2016 e quindi anche al ricorrente che abbia impugnato gli atti di gara, posto che ai sensi della citata normativa “Le stazioni appaltanti comunicano d’ufficio immediatamente e comunque entro un termine non superiore a cinque giorni: a) l’aggiudicazione, all’aggiudicatario, al concorrente che segue nella graduatoria, a tutti i candidati che hanno presentato un’offerta ammessa in gara, a coloro la cui candidatura o offerta siano state escluse se hanno proposto impugnazione avverso l’esclusione o sono in termini per presentare impugnazione, nonché a coloro che hanno impugnato il bando o la lettera di invito, se tali impugnazioni non siano state respinte con pronuncia giurisdizionale definitiva”...
Leggi la sentenza integrale

TAR UMBRIA - SENTENZA 07.02.2018 N. 98

E’ illegittima la delibera del direttore generale di una Azienda Sanitaria Locale con la quale è stata disposta, per motivi finanziari, la chiusura di tutte le attività a carattere esclusivamente ospedaliero ed in particolare l’attività di pronto soccorso presenti in un Comune, di cui usufruiscono i cittadini di altro Comune in ragione della vicinanza territoriale; infatti, la normativa in tema di servizio di pronto soccorso deve essere applicata nel senso di privilegiare il criterio, all'interno della dimensione regionale del servizio, tendente ad una organizzazione territoriale più rapida possibili e perciò tendente alla conservazione dei presidi nelle zone "svantaggiate". Del resto, l'organizzazione del pronto soccorso rispondere ad un nucleo irriducibile del diritto alla salute, affermato dalla Corte Costituzionale (cfr. nn. 162/2007 e 275/2016) ed è per la sua stessa natura insopprimibile, nonché insuscettibile di essere compresso o ridotto in forza di qualunque altra esigenza politico-amministrativa, tanto meno di carattere finanziario..
Leggi la sentenza integrale

TAR LAZIO - SENTENZA 30.01.2018 N. 1081

E' legittimo il provvedimento dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato che ha irrogato ad un'azienda municipalizzata di trasporti locali (ATAC nella fattispecie) una sanzione pecuniaria per aver pubblicizzato, attraverso l'orario affisso nelle stazioni e pubblicato su internet, un'offerta di servizi di trasporto non corrispondente, per qualità e quantità, al servizio reso, a causa della sistematica e persistente soppressione delle corse programmate, nonchè inferiore rispetto alla programmazione prevista nel Contratto di Servizio stipulato con la Regione Lazio, posto che l'inadeguata ed intempestiva modalità di comunicazione all'utenza della soppressione delle corse costituisce una pratica commerciale scorretta ai sensi del Codice del Consumo (artt. 20, 21 e 22 del D.Lgs. n. 206/2005 e s.m.i.) ...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 17.01.2018 N. 279

In ambito di appalti pubblici ai sensi del D.Lgs. n. 50/2016 non è consentito inserire in sede di gara, tra i criteri di valutazione delle offerte, elementi che riguardano la capacità tecnica dell’impresa, al posto di quelli relativi alla qualità dell’offerta, e ciò sia per rispettare i principi ostativi ad ogni commistione fra i criteri soggettivi di prequalificazione e criteri afferenti alla valutazione dell’offerta ai fini dell’aggiudicazione, sia al fine di assicurare la più ampia apertura possibile del mercato, di qui la necessità di tenere separati i requisiti richiesti per la partecipazione alla gara da quelli pertinenti all’offerta ed all’aggiudicazione. Su tali presupposti deve ritenersi illegittima una clausola di un bando che attribuisce una parte preponderante e significativa del punteggio (ben 70 punti su 80) all’esperienza pregressa dei concorrenti, attribuendo all'offerta tecnica soltanto un massimo di 10 punti, in quanto clausola idonea a confondere i requisiti soggettivi di partecipazione alla gara con gli elementi e i criteri oggettivi di valutazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa, in violazione della normativa comunitaria e nazionale in materia di appalti pubblici...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 11.01.2018 N. 123

Nel nuovo codice dei contratti pubblici (D.Lgs. n. 50/2016) è stato introdotto, all'art. 51, il principio comunitario che persegue un favor per la partecipazione alle pubbliche selezioni da parte delle piccole e medie imprese (c.d. PMI) stabilendo il conseguenziale obbligo di suddivisione in lotti della gara. Tale principio, tuttavia, non ha un valore precettivo assoluto ed inviolabile, dovendo essere adattato ai casi concreti, sempre secondo i canoni di adeguatezza, proporzionalità ed efficienza economica. In applicazione di detti principi va considerata legittima la determinazione di una P.A. (nello specifico, ENAC) che ha indetto una gara unica per l’affidamento in concessione della gestione totale degli aeroporti di Reggio Calabria e di Crotone per una durata trentennale, che abbia esplicitato in modo ben persuasivo le ragioni secondo cui la gestione dei due aeroporti calabresi rispondesse a logiche di efficienza economica e di migliore allocazione delle risorse, sì da consentire di derogare in modo del tutto adeguato – e quindi legittimo – al principio della suddivisione in lotti ...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 04.01.2018 N. 58

Ai sensi dell'art. 80, comma 5 lett. m) del D.Lgs. n. 50/2016 - Codice dei Contratti - per individuare un caso di collegamento tra imprese concorrenti, idoneo ad integrare l'ipotesi di esclusione dell'operatore economico, la sussistenza di una generica relazione di fatto tra due concorrenti non è condizione sufficiente perchè si possa ritenere applicabile la suddetta disciplina, in mancanza della prova, posta in carico alla stazione appaltante, del fatto che la situazione di controllo o la relazione comporti che le offerte siano imputabili ad un unico centro decisionale. Nella fattispecie, è illegittima l'esclusione di due imprese concorrenti il cui collegamento sia stato individuato in base al possesso di una piccola quota di partecipazione nel capitale sociale dell'una da parte del consigliere di amministrazione dell'altra, e della mera presenza, sul sito internet di un concorrente, di un collegamento ipertestuale al sito dell'altro operatore ...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 28.12.2017 N. 6135

In ambito di gare d'appalto per l'aggiudicazione di contratti pubblici, le specifiche disposizioni in materia (v. l’art. 86, comma 5 bis, d.lgs. 12 aprile 2016, n. 50; l’art. 79, comma 6, d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 210; l’art. 40, comma 3, lett. b) d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163), conducono ad affermare che l’impresa concorrente può vantare legittimamente il possesso del requisito tecnico-organizzativo, costituito dall’aver svolto lavori per un certo importo in una certa categoria, solo se è in possesso dei relativi certificati di esecuzione lavori, poiché in detti documenti contabilit si dà atto dell’avvenuta esecuzione in maniera regolare e con buon esito dei lavori, nonché del risultato delle contestazioni reciprocamente mosse dalle parti contrattuali in seguito all’esecuzione dei lavori, dovendosi ritenere inidonea allo scopo, di converso, la mera contabilizzazione dei lavori attraverso stati di avanzamento dei lavori ...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - ADUNANZA PLENARIA - SENTENZA 20.12.2017 N. 11

Il termine per impugnare un atto amministrativo decorre dalla piena conoscenza del provvedimento e dei suoi effetti lesivi e non assume alcun rilievo, al fine di differire il dies a quo di decorrenza del termine decadenziale, l’erroneo convincimento soggettivo dell’infondatezza della propria pretesa. Di conseguenza deve escludersi, fatta eccezione per l’ipotesi degli atti plurimi con effetti inscindibili, che il sopravvenuto annullamento giurisdizionale di un atto amministrativo possa giovare ai cointeressati che non abbiano tempestivamente proposto il gravame e, per i quali, pertanto, si è già verificata una situazione di inoppugnabilità, con conseguente “esaurimento” del relativo rapporto giuridico...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - ORDINANZA 13.12.2017 N. 5891

Qualora il ricorso in appello sia stato notificato a mezzo PEC ad un indirizzo della P.A. appellata che non risulti contenuto negli specifici registri appositamente individuati dalla legge, se l’Amministrazione non si è costituita in giudizio, con conseguente inconfigurabilità della sanatoria della nullità della notificazione per raggiungimento dello scopo, deve disporsi la rinnovazione della notificazione del ricorso in appello, ai sensi dell’art. 95, commi 2 e 3, c.p.a. e, comunque, ai sensi degli artt. 38 e 44 c.p.a ...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 04.12.2017 N. 5709

E’ legittimo il provvedimento di esclusione da una gara d'appalto di un concorrente motivata in relazione al fatto che i membri del Consiglio di Amministrazione di detta società erano stati rinviati a giudizio “per violazione degli obblighi inerenti la custodia e per aver creato un deposito abusivo di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi determinando contaminazione del suolo”, addebiti questi ritenuti dalla Stazione appaltante stessa manifestazione di “grave negligenza e malafede nell’esecuzione delle prestazioni affidate. Tali circostanze, infatti, sono idonee a mettere in discussione l’elemento fiduciario che deve necessariamente sussistere tra il soggetto che indice la gara e il futuro contraente, sicchè l'esclusione è legittima in quanto non si basa sulla mera constatazione dell’avvenuto rinvio, bensì sulla valutazione della perdita dell'indispensabile elemento fiduciario rimesso ad un autonomo apprezzamento dei suddetti fatti, secondo la previgente disciplina dell'art. 38 comma 1 lett. f) del D.Lgs. n 163/2006 (invero oggi ridisegnata all'art. 80, comma 5, lett. c) del D.Lgs. n. 50/2016) ..
Leggi la sentenza integrale

TAR LAZIO - SENTENZA 27.11.2017 N. 11764

In tema di gare pubbliche d'appalto, il requisito prescritto a pena di esclusione dal bando di gara, concernente il fatturato, non può essere comprovato mediante avvalimento facendo riferimento ad una società ausiliaria avente sede legale in India, in quanto Paese non aderente all’Accordo sugli Appalti Pubblici né ad altri accordi internazionali che assicurino condizioni di reciprocità concorrenziale agli operatori economici dell’Unione Europea nel settore degli appalti, come del resto rilevato dall'art. 49 del D.Lgs. n.50 del 2016 ...
Leggi la sentenza integrale

Dove siamo

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok