TAR LAZIO - SENTENZA 20.07.2017 N. 8819

In tema di obbligo di esposizione dei costi della sicurezza in sede di offerta, si rileva che prima dell’entrata in vigore del d.lgs. n. 50/2016 mancava una norma che in maniera chiara ed univoca prescrivesse espressamente la doverosità di siffatta dichiarazione, pertanto - conformemente all'insegnamento dell'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato n. 19/2016, deve ritenersi che per le gare bandite anteriormente all’entrata in vigore del nuovo Codice dei Contratti, qualora l’obbligo di indicazione dei costi di sicurezza aziendale non fosse specificatamente richiesto dalla lex specialis, ed a condizione che non sia in contestazione che dal punto di vista sostanziale l’offerta rispetti i costi minimi di sicurezza aziendale, l’esclusione del concorrente non può essere disposta se non dopo che il concorrente stesso sia stato invitato a regolarizzare l’offerta dalla stazione appaltante, nel doveroso esercizio dei poteri di soccorso istruttorio....
Leggi la sentenza integrale

TAR VENETO - SENTENZA 05.07.2017 N. 652

Non è prevista, tra le ragioni giustificative di proroga del permesso di costruire di cui all'art. 15 del D.P.R. n. 380/2001, la sopraggiunta difficoltà economica del titolare del titolo edilizio. Ne consegue l'illegittimità del provvedimento con il quale un Comune abbia concesso su tali motivazioni, una proroga di due anni al termine per dare inizio ai lavori...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 21.06.2017 N. 3058

In presenza di una pronuncia passata in giudicato che riconosceva il diritto alla sospensione del trattamento di alimentazione ed idratazione, il potere discrezionale della Pubblica Amministrazione (nella specie, Regione Lombardia quale apparato istituzionalmente deputato allo svolgimento del servizio sanitario nazionale) è riconducibile alla mera scelta organizzativa della struttura più idonea ove eseguire la prestazione sanitaria. Il rifiuto assoluto ad una siffatta prestazione costituisce lesione del diritto assoluto all'autodeterminazione terapeutica costituzionalmente garantito, la cui violazione è risarcibile in presenza degli elementi costitutivi della responsabilità extracontrattuale...
Leggi la sentenza integrale

TAR CALABRIA - SENTENZA 05.06.2017 N. 891

Qualora una P.A. debba assumere personale dipendente, mediante utilizzo di graduatorie di pubblici concorsi approvate da altre Amministrazioni ed ancora valide, sussiste un obbligo di “interpello” di tutte le PP.AA. presso le quali vi sono graduatorie relative al profilo professionale di interesse, non ancora esaurite; l’Amministrazione procedente, infatti, una volta determinatasi ad effettuare assunzione tramite l’escussione di graduatorie di pubblici concorsi approvate da altre Amministrazioni, è tenuta ad avviare una effettiva procedura, in relazione alla necessità di svolgere una ricognizione circa l’esistenza di valide graduatorie concorsuali, con l’ulteriore conseguenza che, in applicazione del principio generale “cronologico”, è tenuta a scorrere la graduatoria più risalente nel tempo...
Leggi la sentenza integrale

TAR CALABRIA - SENTENZA 22.05.2017 N. 817

In materia di annullamento in autotutela, anche dopo l'entrata in vigore della legge n. 124 del 2015, è rimasta confermata l'impostazione prettamente discrezionale dell’istituto, sicchè il provvedimento di annullamento deve essere basato su una approfondita valutazione comparativa degli interessi in conflitto, di modo che quando la posizione del privato si sia consolidata, l’esercizio del potere di autotutela non può giustificarsi con il mero interesse al ripristino della legalità, dovendo giustificare il perseguimento di uno specifico e ben delineato interesse pubblico concreto ed attuale all’annullamento. Per quanto riguarda gli atti adottati anteriormente all’attuale versione dell’art. 21-nonies della legge n. 241 del 1990, il termine dei 18 mesi decorre dalla data di entrata in vigore della nuova disposizione (introdotta con la legge 7 agosto 2015, n. 124), salva, comunque, l’operatività del termine ragionevole, già previsto dall’originaria versione dell’art. 21-nonies della legge n. 241 del 1990..
Leggi la sentenza integrale

TAR SICILIA - SENTENZA 13.07.2017 N. 1842

La notifica telematica di un ricorso nei confronti di una pubblica amministrazione va obbligatoriamente effettuato all'indirizzo pec inserito nel registro tenuto dal Ministero della Giustizia, al quale tutti gli enti avrebbero dovuto comunicarlo entro il 30.11.2014. In mancanza di indicazione di un indirizzo pec su tale pubblico elenco, non è possibile sopperire utilizzando un altro indirizzo pec dell'amministrazione, pena l'inammissibilità del ricorso, ma è necessario procedere tramite le tradizionali modalità cartacee....
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 28.06.2017 N. 3172

Una tensostruttura realizzata sul terrazzo di un edificio residenziale, costituita da una pergola in metallo corredata da tenda in PVC con movimento elettrico, non configura né un aumento del volume e della superficie coperta, né la creazione o modificazione di un organismo edilizio. Al contempo, tale intervento non altera il prospetto o la sagoma dell’edificio cui è connessa, e non è idonea a modificare la destinazione d’uso degli spazi esterni interessati, essendo facilmente rimuovibile (anzi, retraibile) e priva di tamponature verticale. Una struttura del genere va qualificata come arredo esterno per il quale non serve alcun titolo abilitativo ai sensi dell’art. 6, comma 1, D.P.R. n. 380/01...
Leggi la sentenza integrale

TAR SICILIA - SENTENZA 16.06.2017 N. 1454

Vige nell'ordinamento l'istituto dell' esperimento di miglioria in caso di due o più offerte identiche, riferibile per qualsiasi tipologia di gara, sancito dall'art. 77 del R.D. 23 maggio 1924 n. 827. Correttamente dunque la stazione appaltante ha annullato in autotutela l'aggiudicazione provvisoria disposta a seguito di sorteggio tra due offerte classificati a pari punti, quando una delle due aveva dichiarato di voler procedere al miglioramento della propria offerta proprio in ossequio al suddetto principio, a nulla rilevando una mancata espressa previsione in tal senso della lex specialis, carenza colmabile attraverso il meccanismo di eterointegrazione della lex specialis previsto dall’art. 1339 c.c...
Leggi la sentenza integrale

TAR LAZIO - SENTENZA 24.05.2017 N. 6171

A tutela dei principi di trasparenza e parità di trattamento tra i candidati di una selezione pubblica, durante le prove orali deve essere garantito il libero ingresso al locale ove esse si tengono, a chiunque voglia assistervi, compresi i candidati già esaminati o in attesa di esame, atteso che ciascun candidato è titolare di un interesse qualificato a presenziare alle prove degli altri candidati, al fine di verificare di persona il corretto operare della commissione. E' illegittimo per contrasto con detti principi l’operato di una commissione di concorso che abbia ammesso alcuni candidati a sostenere una prova orale “da remoto”, attraverso l’uso della modalità comunicativa skype, senza che sia stato verbalizzato nulla circa la presenza di uditori estranei ai membri della commissione durante lo svolgimento del colloquio..
Leggi la sentenza integrale

TAR CAMPANIA - SENTENZA 15.05.2017 N. 2598

E' legittima l'esclusione da una gara d'appalto disposta ai sensi dell’art. 80, comma 5, del nuovo Codice dei Contratti (D.Lgs. n. 50/2016), in quanto il concorrente in questione risulta aver falsamente dichiarato che il legale rappresentante non ha commesso gravi infrazioni debitamente accertate alle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro ove, al contrario, sia risultata la esistenza di una sentenza penale di condanna a mesi 3 di reclusione per il reato di cui all’art. 590, commi 2 e 3 cod. pen. per gravi lesioni colpose. Una siffatta mendace dichiarazione, infatti, preclude l'esercizio di ogni potere discrezionale della stazione appaltante di valutare la gravità dell’infrazione accertata, ed inoltre impedisce in radice il ricorso al meccanismo riabilitativo (cosiddetto self cleaning) di cui al comma 7 dello stesso art. 80, data la condotta reticente della ditta interessata ..
Leggi la sentenza integrale

Dove siamo