TAR VENETO - SENTENZA 14.12.2020 N. 1255

In ambito dell'esercizio dei poteri di vigilanza sull'attività urbanistico-edilizia relativa ad una SCIA, a seguito di annullamento giurisdizionale del precedente diniego, il Comune deve tenere conto, nel bilanciamento degli interessi contrapposti, tra quello pubblico (che deve essere concreto e non tendente al mero ripristino della legalità) e quello privato formatosi sull'affidamento della legittimità del titolo annullato, delle circostanze del caso concreto tra cui anche l'avanzamento dei lavori ed i comportamenti omissivi tenuti dai terzi controinteressati che potrebbero aver alimentato la legittima aspettativa del segnalante ..
Leggi la sentenza integrale

 

Dove siamo

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.