TAR LAZIO - SENTENZA 27.07.2022 N. 10678

E’ legittima l’aggiudicazione di una gara di appalto di servizi, nel caso in cui la Commissione giudicatrice abbia posto in essere una operazione correttiva consistente nella modifica di un palese refuso materiale, avendo la ditta vittoriosa interessata indicato l’onere complessivo della manodopera per 1 anno solo, rispetto ai 2 anni previsti dalla lex specialis; tale operazione deve ritenersi rispondente al generale principio di conservazione degli atti negoziali, in uno al favor partecipationis sotteso alle procedure evidenziali, e non arrecante alcun vulnus alla par condicio competitorum, appalesandosi logicamente vincolata e necessitata, anche alla luce del fatto che gli atti di gara non indicavano in maniera chiara che il costo dovesse essere indicato complessivamente per il biennio e non per il singolo anno ...
Leggi la sentenza integrale

 

Dove siamo

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.