TAR LAZIO - SENTENZA 24.04.2020 N. 4183

La sentenza della Corte di Giustizia UE del 26.09.2019 (causa C-63/18) che ha censurato il limite al subappalto previsto dal diritto interno (art. 105 D.Lgs. n. 50/20106) nella soglia del 30% dei lavori, non ha tuttavia escluso in via assoluta la compatibilità con il diritto dell’Unione di limiti superiori. Pertanto non può ritenersi contrastante con il diritto comunitario l’attuale limite pari al 40% delle opere, previsto dall’art. 1, comma 18, della legge n. 55/2019 (legge di conversione del D.L. n. 32/2019, c.d. "Sblocca Cantieri") secondo cui “Nelle more di una complessiva revisione del codice dei contratti pubblici, di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, fino al 31 dicembre 2020, in deroga all’art. 105, comma 2, del medesimo codice, fatto salvo quanto previsto dal comma 5 del medesimo articolo 105, il subappalto è indicato dalle stazioni appaltanti nel bando di gara e non può superare la quota del 40 per cento dell’importo complessivo del contratto di lavori”.
Leggi la sentenza integrale

 

Dove siamo

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.