CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 06.04.2020 N. 2257

In materia di gare d'appalto, il principio di invarianza della media ex art. 95, comma 15, del D.Lgs. n. 50/2016 si applica sia quando si è in presenza di criteri di aggiudicazione automatici, come quello del “minor prezzo”, per i quali sia previsto, anche ai fini della determinazione della soglia di anomalia, il “calcolo di medie”, sia nei casi in cui si è in presenza di criteri rimessi alla valutazione discrezionale della commissione di gara. Tra tali ultime ipotesi rientra il caso della “offerta economicamente più vantaggiosa”, ogni volta in cui la formazione della graduatoria è condizionata dal meccanismo di “normalizzazione” del punteggio conseguito da ciascun concorrente, attraverso il confronto parametrico con quello dell’offerta migliore, che è alterato dalla modifica della platea dei concorrenti da confrontare attraverso la rideterminazione di valori medi. ....
Leggi la sentenza integrale

 

Dove siamo

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.