TAR CAMPANIA - SENTENZA 03.01.2020 N. 12

In tema di gare d'appalto, in virtù dell'art. 89 del nuovo Codice dei Contratti (D.Lgs. n. 50/2016), l’oggetto dell’avvalimento consiste nella messa a disposizione, da parte dell’impresa ausiliaria, non di requisiti di qualificazione intesi come valore astratto, bensì delle risorse e dei mezzi che li sostanziano e di cui l’ausiliata è carente per l’esecuzione del contratto. Corollario di siffatto principio è quello per il quale l'avvalimento funge solamente ai fini della qualificazione dell’offerta e non anche ai fini del punteggio, come pare chiaro dal tenore del comma 1 del suddetto articolo, a mente del quale “l’operatore economico, singolo o in raggruppamento di cui all’articolo 45, per un determinato appalto, può soddisfare la richiesta relativa al possesso dei requisiti di carattere economico, finanziario, tecnico e professionale di cui all’articolo 83, comma 1, lettere b) e c), necessari per partecipare ad una procedura di gara”....
Leggi la sentenza integrale

 

Dove siamo

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok