TAR SICILIA - SENTENZA 19.02.2018 N. 389

La pubblicazione della delibera di aggiudicazione di una gara d'appalto all’albo pretorio non è idonea a determinare la decorrenza del termine di impugnazione, se ad essa non si accompagna la comunicazione dell’aggiudicazione definitiva agli interessati, facendo così decorrere il termine di impugnazione di trenta giorni ex art. 120, comma 5, c.p.a. Va altresì specificato che la Stazione Appaltante ha l’onere della comunicazione individuale degli esiti della gara a tutti i soggetti individuati dall'art. 76, comma 5, del nuovo Codice dei Contratti - D.Lgs. n. 50/2016 e quindi anche al ricorrente che abbia impugnato gli atti di gara, posto che ai sensi della citata normativa “Le stazioni appaltanti comunicano d’ufficio immediatamente e comunque entro un termine non superiore a cinque giorni: a) l’aggiudicazione, all’aggiudicatario, al concorrente che segue nella graduatoria, a tutti i candidati che hanno presentato un’offerta ammessa in gara, a coloro la cui candidatura o offerta siano state escluse se hanno proposto impugnazione avverso l’esclusione o sono in termini per presentare impugnazione, nonché a coloro che hanno impugnato il bando o la lettera di invito, se tali impugnazioni non siano state respinte con pronuncia giurisdizionale definitiva”...
Leggi la sentenza integrale

Dove siamo

Cookies make it easier for us to provide you with our services. With the usage of our services you permit us to use cookies.
More information Ok