TAR LAZIO - SENTENZA 20.07.2017 N. 8819

In tema di obbligo di esposizione dei costi della sicurezza in sede di offerta, si rileva che prima dell’entrata in vigore del d.lgs. n. 50/2016 mancava una norma che in maniera chiara ed univoca prescrivesse espressamente la doverosità di siffatta dichiarazione, pertanto - conformemente all'insegnamento dell'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato n. 19/2016, deve ritenersi che per le gare bandite anteriormente all’entrata in vigore del nuovo Codice dei Contratti, qualora l’obbligo di indicazione dei costi di sicurezza aziendale non fosse specificatamente richiesto dalla lex specialis, ed a condizione che non sia in contestazione che dal punto di vista sostanziale l’offerta rispetti i costi minimi di sicurezza aziendale, l’esclusione del concorrente non può essere disposta se non dopo che il concorrente stesso sia stato invitato a regolarizzare l’offerta dalla stazione appaltante, nel doveroso esercizio dei poteri di soccorso istruttorio....
Leggi la sentenza integrale

Dove siamo