CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 16.05.2018 N. 2896

Nelle gare di appalto, l’incameramento della cauzione provvisoria è conseguenza automatica del provvedimento di esclusione, e, come tale, non suscettibile di valutazioni discrezionali da parte dell’amministrazione - nè del giudice in sede contenziosa - in relazione ai singoli casi concreti, e pertanto non rilevano, nè possono essere efficacemente addotte in impugnativa giurisdizionale, eventuali valutazioni volte ad evidenziare la non imputabilità a colpa della violazione che ha dato causa all’esclusione....
Leggi la sentenza integrale

TAR PUGLIA - SENTENZA 09.05.2018 N. 672

Non può essere comminata l'esclusione da una gara d'appalto di un concorrente nei cui confronti in passato è stata disposta la risoluzione di un contratto di appalto per gravi illeciti professionali ex art. 80, comma 5 lett. c D.Lgs. n. 50/2016, nel caso in cui la ditta abbia tempestivamente contestato in giudizio il provvedimento di risoluzione contrattuale. Difatti la disciplina sopra richiamata, se da un lato consente alla stazione appaltante di escludere il concorrente la cui integrità o affidabilità sia resa dubbia dalla circostanza – da dimostrarsi con mezzi adeguati – che lo stesso si sia reso colpevole di gravi illeciti professionali, dall'altro chiarisce che tra tali ipotesi vi è quella della risoluzione anticipata per significative carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto o di concessione “non contestata in giudizio” ovvero “confermata all’esito di un giudizio” ovvero ancora che abbia dato luogo “ad una condanna del risarcimento del danno o ad altre sanzioni”....
Leggi la sentenza integrale

TAR PIEMONTE - SENTENZA 30.04.2018 N. 493

Non ricorrono le condizioni per autorizzare il rimborso delle spese legali in favore di un dipendente statale assolto in sede penale, ai sensi dell’art. 18 del D.L. 25 marzo 1997, n. 67, se la condotta non possa essere imputata, per immedesimazione organica all’Amministrazione, né possa dirsi essere stata posta in essere nell’interesse dell’Amministrazione stessa dal dipendente o nell’esercizio dei poteri e delle funzioni che gli sono stati attribuiti dalla legge, al fine di adempiere un dovere d’ufficio, essendo, in realtà, solo occasionalmente connessa con la qualifica di pubblico ufficiale rivestita ...
Leggi la sentenza integrale

TAR PUGLIA - SENTENZA 23.04.2018 N. 718

Deve confermarsi la legittimità, ai sensi dell’art. 95, comma 4, D.lgs. 50/2016 (Nuovo Codice dei Contratti), della lex specialis relativa all'affidamento di un servizio di vigilanza privata che stabilisca l'aggiudicazione al prezzo più basso nel caso in cui l’Amministrazione, nella lettera di invito e nelle “condizioni particolari di contratto”, abbia indicato con precisione le condizioni tecniche richieste per lo svolgimento del servizio, specificando elementi predefiniti e condizioni standardizzate, con conseguente sussistenza di tutte le condizioni richieste per l’applicazione del minor prezzo ...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA N.D. 10.04.2018 N. 2161

Deve essere rimessa all'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, al fine di comporre il contrasto formatosi in giurisprudenza, la questione se l'erronea declaratoria di irricevibilità del ricorso di primo grado possa essere assimilata ad una violazione del diritto di difesa e per questo comportare l'annullamento della sentenza con rinvio al giudice di primo grado ai sensi dell'art. 105 c.p.a. ...
Leggi la sentenza integrale

TAR LAZIO - SENTENZA 15.05.2018 N. 5423

Tra i due orientamenti giurisprudenziali formatisi in ordine alle conseguenze della mancata indicazione dei costi della manodopera resa obbligatoria dall'art. 95, comma 10, del D.Lgs. n.50/2016, deve preferirsi quello volto a negare un effetto escludente in via automatica dalla gara se la lex specialis non richieda alcuna specifica dichiarazione in ordine a detti costi e soprattutto se a seguito delle richiese formulate dalla commissione il concorrente possa chiarire tali costi senza che ciò comporti modifica e/o integrazione dell'offerta economica...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 08.05.2018 N. 2743

Deve essere annullato per illegittimità un provvedimento di demolizione emesso da un Comune ed avente ad oggetto opere esterne consistenti nella realizzazione di un pergolato in ferro e di un forno a legna in mattoni non infisso al suolo, eretti senza titolo edilizio in area condominiale, atteso che dette opere per consistenza strutturale, morfologia dell’area di sedime localizzata all’interno di spazi condominiali e destinazione obbediscono ai medesimi criteri ispiratori della recente disciplina sul riordino dell’attività edilizia libera e semilibera di cui al D.Lgs. n. 222/2016 ...
Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 24.04.2018 N. 2458

Il criterio della vicinitas che giustifica l'imprenditore concorrente all'impugnazione di titoli edilizi o autorizzativi (fattispecie relativa a distributori di carburante) in nome della nozione di unicità del bacino d'utenza, presuppone una rigorosa prova del reale pregiudizio patito dall'intervento autorizzato, e quindi della lesione concreta ed immediata subita da tale autorizzazione, in mancanza della cui dimostrazione, in virtù del principio di liberalizzazione del settore, va dichiarata l'inammissibilità dell'impugnazione per difetto di interesse ...
Leggi la sentenza integrale

TAR PUGLIA - SENTENZA 13.04.2018 N. 642

Va disposta l'esclusione da una gara d'appalto nel caso in cui la ditta concorrente colpita dal provvedimento abbia omesso di indicare i dati relativi al costo della manodopera come prescritto dall'art. 95, comma 10, D.Lgs. n. 50/2016 anche se non espressamente riportato nel bando di gara (ma solo in un modulo dell'offerta economica), senza che sia possibile ammettere il soccorso istruttorio, inutilizzabile per sanare incompletezze ed irregolarità relative all’offerta economica e per modificare ex post il contenuto della stessa ...
Leggi la sentenza integrale

TAR BASILICATA - SENTENZA 04.04.2018 N. 237

Va annullato il decreto di nomina della giunta comunale composta da due soli assessori che sia stato emanato da un sindaco (di un comune inferiore ai 3.000 abitanti) senza adeguata motivazione del conferimento dell'incarico a soli uomini e senza il richiamo ad un'adeguata istruttoria da cui emerga l'impossibilità di reperire la disponibilità alla nomina di assessori di sesso femminile, non essendo sufficienti delle semplici comunicazioni di indisponibilità a ricoprire la carica di assessore inviate al sindaco dalle consigliere comunali elette, e ciò a maggior ragione ove non siano specificate le ragioni che hanno impedito il rispetto della normativa in materia di parità di genere nella composizione delle Giunte disciplinata dall’art. 46, comma 2, D. Lgs. n. 267/2000 ....
Leggi la sentenza integrale

Dove siamo