CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 09.11.2018 N. 6326

In ambito di gare pubbliche d'appalto, per la verifica dell'anomalia dell'offerta, al parte i casi in cui l'utile risulti pari a zero, non è possibile stabilire una soglia minima di margine positivo dichiarato dall'offerente al di sotto della quale l’offerta deve essere considerata anomala, poiché anche un utile apparentemente modesto può comportare comunque un vantaggio significativo, sia per la prosecuzione in sé dell’attività lavorativa, sia per la qualificazione, la pubblicità, il curriculum derivanti per l’impresa dall’essere aggiudicataria e aver portato a termine un appalto pubblico, e per tale motivo l'offerta in tale caso non può essere considerata anomala  .. 
Leggi la sentenza integrale

 

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 08.10.2018 N. 5765

Il termine di trenta giorni per l'impugnativa dell'ammissione dei concorrenti alla procedura di gara, prevista dal comma 2 bis dell’art. 120 c.p.a., deve essere fatto decorrere dal momento della pubblicazione degli atti della procedura, perché diversamente l’impresa sarebbe costretta a proporre un ricorso “al buio” .
Nella fattispecie il principio della piena conoscenza ai fini della decorrenza del termine di impugnazione merita una particolare e rigorosa applicazione, pertanto l'eventuale piena conoscenza, acquisita aliunde, può applicarsi solo ove vi sia una concreta prova dell’effettiva conoscenza degli atti di gara, acquisita in data anteriore alla pubblicazione o comunicazione degli atti della procedura di gara, e ciò non può coincidere con la seduta di gara in cui è stata deliberata l'ammissione dei concorrenti, anche se a tale seduta sia presente un  un rappresentante della ditta, in mancanza della specifica prova sulla percezione immediata ed effettiva di tutte le irregolarità che, ove sussistenti, possano aver inficiato le relative determinazioni.. 
Leggi la sentenza integrale

 

TAR PUGLIA - SENTENZA 07.09.2018 N. 1212

In ambito di gare pubbliche d'appalto, deve ritenersi illegittima l'esclusione di un concorrente che abbia presentato la relazione descrittiva dell'offerta sottoscritta soltanto sull'ultima pagina ed omettendo di sottoscrivere ogni foglio come pure richiesto dal disciplinare di gara. La previsione della lex speciali in questione, per rimanere coerente con il principio di tassatività delle clausole di esclusione (art. 74 D.Lgs n. 163/2006 ed oggi art. 83 comma 8 D.Lgs. n. 50/2016), pena la sanzione di nullità della previsione stessa, va interpretata nel senso di ritenere sufficiente che venga sottoscritta l’ultima pagina e che il requisito formale della sottoscrizione sia soddisfatto con l'apposizione della firma in calce al documento in parola... 

Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 02.08.2018 N. 4775

In ambito di procedura di evidenza pubblica vige il principio generale per il possesso dei requisiti soggettivi da parte dei concorrenti deve essere valutato al momento della scadenza del termine per la presentazione delle offerte, e poi essere mantenuto, senza soluzione di continuità, anche nella fase successiva all’aggiudicazione, per tutta la durata del contratto. In applicazione di tale principio va ritenuta illegittima una clausola della lex specialis (nella fattispecie si trattava del capitolato speciale allegato agli atti di gara) la quale prevede che i requisiti debbono essere posseduti e comprovati con riferimento alla data di pubblicazione del bando di gara, e ne va acclarata la nullità in virtù del principio di tassatività delle cause di esclusione ......

 Leggi la sentenza integrale

TAR SICILIA - SENTENZA 05.07.2018 N. 1551

Sussiste l'onere di immediata impugnazione, a decorrere dalla loro conoscenza, di tutte le clausole dei bandi di gara che comportino limitazioni alla partecipazione alla gara e quindi quelle clausole che idonee a comportare l'esclusione da parte della commissione di gara in caso di violazione commessa dal concorrente. Tra tali clausole rientra quella che prevede il divieto di avvalimento frazionato, in quanto è ovvio che, a fronte di un’offerta presentata in violazione di tale divieto, non potrebbe che conseguire la sua esclusione, quanto meno nell’ipotesi in cui la commissione di gara agisca in modo legittimo ...
Leggi la sentenza integrale

TAR TOSCANA - SENTENZA 29.10.2018 N. 1391

Va annullata l'intera procedura di gara d'appalto nonchè l'atto conclusivo di aggiudicazione nel caso in cui la commissione di gara, all'atto di esaminare l’offerta di una ditta concorrente (nella fattispecie, giunta seconda classificata), abbia aperto la busta contenente l’offerta economica prima di quella contenente la documentazione amministrativa. Infatti, la rigida successione del procedimento di selezione è tale da imporre che una prima fase della procedura si completi esclusivamente con l’esame dei requisiti di ammissione dei concorrenti, e che solo a seguito della conclusione di tale prima fase, che deve culminare con la decisione sull'ammissione dei concorrenti, può passarsi alla successiva seconda fase da dedicarsi all'esame del merito delle offerte  delle imprese ammesse, dovendosi pertanto ribadire il principio secondo il quale nelle gare per l’affidamento dei contratti pubblici l’apertura delle buste con le offerte economiche non può precedere l’accertamento dei requisiti formali per l’ammissione alla selezione  .. 
Leggi la sentenza integrale

 

TAR PUGLIA - ORDINANZA 17.09.2018 N. 1346

Va rimessa alla Corte Costituzionale la questione di legittimità dell'art. 75 del D.P.R. n. 445/2000, in relazione ai principi di ragionevolezza, proporzionalità e uguaglianza di cui all’art. 3 della Carta Fondamentale, nella parte in cui, tenuto conto dell'univoca interpretazione giurisprudenziale valevole ai sensi del diritto vivente, comporti la determinazione di un sistema di automatismo legale in base al quale qualsiasi caso di comprovata non veridicità di quanto autodichiarato dall’interessato comporti la decadenza automatica dei benefici dallo stesso ottenuti con l’autodichiarazione risultata non veritiera, senza che l’Amministrazione abbia più alcun margine di discrezionalità nella valutazione della stessa autodichiarazione... 

Leggi la sentenza integrale

CONSIGLIO DI STATO - SENTENZA 21.08.2018 N. 4994

Va rimesso alla Corte di Giustizia europea, ai sensi dell'art. 267 TFUE, il quesito in ordine alla verifica di compatibilità della normativa italiana (art. 4 d.l. n. 91 /2014 convertito con l.n. 116/2014) con il Trattato sul funzionamento dell'unione europea e con il Regolamento 1151/2012/UE - recante la disciplina sulle Denominazioni di Origine Protette, che impongono agli Stati membri di garantire sia la libera concorrenza dei prodotti all’interno dell’Unione europea sia la tutela dei regimi di qualità per sostenere le zone agricole svantaggiate - che ha introdotto in Italia una restrizione nell’attività di produzione della mozzarella di bufala Campana Dop, imponendo che sia effettuata in stabilimenti esclusivamente dedicati a tale produzione, e nei quali è vietata la detenzione e lo stoccaggio di latte proveniente da allevamenti non inseriti nel sistema di controllo della Dop mozzarella di bufala Campana”.......

 Leggi la sentenza integrale

TAR CALABRIA - SENTENZA 16.07.2018 N. 418

Deve ritenersi illegittimo - e peraltro impugnabile senza necessità di previa partecipazione - un bando di gara nel quale sia indicato un prezzo a base d'asta talmente basso ed incongruo da risultare oggettivamente fuori mercato, da rendere il rapporto contrattuale con la P.A. economicamente non conveniente e matematicamente in perdita. Tale circostanza contrasta con il principio della concorrenza effettiva ex art. 95 comma 1 D.Lgs. n. 50/2016 ...
Leggi la sentenza integrale

TAR ABRUZZO - SENTENZA 02.07.2018 N. 271

Merita accoglimento la richiesta di proroga di una concessione demaniale di uno stabilimento demaniale sino a tutto il 2035, presentata ex comma 4-bis dell’art. 3 D.L. 400/93 s.m.i., nel caso in cui sia la concessione, sia gli investimenti siano stati compiuti prima della notifica, da parte della Commissione Europea, della lettera di costituzione in mora (02.09.2009) di cui alla procedura di infrazione comunitaria n. 2008/4908, nonché prima della scadenza del termine di recepimento della Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa ai servizi nel mercato interno n. 6/123/CE del 12 dicembre 2006 (28.12.2009), ed infine prima ancora che la Repubblica Italiana attuasse tale Direttiva con il D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59. ...
Leggi la sentenza integrale

Dove siamo

Cookies make it easier for us to provide you with our services. With the usage of our services you permit us to use cookies.
More information Ok